Gara Nazionale di Agility Dog - C.A.C.
Mostra Nazionale Cinofila
Edizione 2016
Gara Nazionale di Agility Dog - C.A.C.
Prove attitudinali su quaglie liberate

Via del Commercio 43 62010 Montecassiano

3281227745 Carlo – 3464204871 Letizia | Ufficio tel. 0733493020

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

BEST IN SHOWBEST IN SHOW GIOVANIBEST IN SHOW JUNIORESBEST IN SHOW VETERANI

Pastore tedesco

LELIA DEI PONTI D’ARLI

PROP.ANTONINI CRISTIAN

Staffordschire bull terrier

NAPOLEON  FLIGHT STAFF

PROP.LUDOVICO LORIS

Cane da pastore ted.

TOM DI PONTE D’ARLI

PROP. TRAVAGLIA EMANUELE

Cocker spaniel ingl. Altri colori

FRANCINI’S SHALIMAR

PROP.CHERRI PATRIZIA

Setter inglese

LATIN LOVER DEEP

SECRET PROP. VESPIGNANI

Australian shepherd

ALWAYS MY DREAMDELLA TERRA DEL FALCO

Cocker spaniel ingl. Altri colori

RUGIADA’S SIZZLING MORNING

PROP.RICCITELLI ANNAMARIA

Golder retriever

GILADAS ACTEUR

PROP.ALL.TO KUKKOLA

Barzoi levriero russo

ILLAS LA PASSIONE SI VEDE

PROP. CAPOMAGI

Dogo argentine

CRISSO

PROP. DAL MOLIN MASSIMO

Coton de talea

COTOMBRIE ICARUS

PROP.PIETRELLA MARCO

Pointer inglese

CH.IT.BELL.FARO

PROP.TOSI AURELIO

COSTITUZIONE E SCOPI


E’ costituita con sede in Macerata, Via Enrico De Nicola 35 una società denominata “GRUPPO CINOFILO MACERATESE” che è associata all’Ente Nazionale della Cinofilia Italiana (E.N.C.I.) del quale osserva lo statuto, i regolamenti, le delibere e le determina, assolvendo scrupolosamente gli incarichi che gli saranno da esso delegati, sotto l’indirizzo, vigilanza, controllo e potere di sanzione e di sostituzione dell’E.N.C.I.

Art. 1 - La suddetta associazione non ha lo scopo di lucro ed ha per oggetto la promozione di ogni più efficace azione per migliorare, incrementare e valorizzare le razze canine pure e per potenziare l’allevamento ai fini zootecnici e sportivi.
Art. 2 - Per il conseguimento dei fini di cui sopra, la società:
a) promuove manifestazioni, convegni ed altre iniziative a carattere divulgativo e zootecnico - Fornisce all’E.N.C.I. supporto locale in ambito provinciale e subprovinciale - Propaganda la divulgazione e il miglioramento dei cani di pura razza ed assiste, nei limiti delle proprie possibilità, i suoi associati in tutte le iniziative che abbiano interesse generale rivolto al raggiungimento degli scopi anzidetti;
b) il Gruppo Cinofilo Maceratese riconosce il potere di indirizzo, di vigilanza, di controllo e di sanzione in capo all’E.N.C.I., ed in particolare il potere dell’E.N.C.I. di nominare un commissario straordinario o ad acta nonché di adottare ogni altro provvedimento necessario in ambito associativo, secondo quanto previsto dallo Statuto Sociale dell’E.N.C.I. nonché del regolamento di attuazione del medesimo.
c) Organizza esposizioni e proposte di lavoro, direttamente o in collaborazione coll’E.N.C.I., con le società cinofile da questo riconosciute oppure con altri Enti anch’essi interessati a tali iniziative, richiedendo l’approvazione preventiva e il riconoscimento dell’E.N.C.I., nel quadro e con le discipline da questo stabilito.
d) L’Associazione presta all’E.N.C.I. piena collaborazione; in particolare, il Presidente dell’Associazione ha l’onere:
- di dare riscontro, di norma entro 15 giorni, alle richieste di informazioni e chiarimenti avanzate dall’E.N.C.I..
- di comunicare all’E.N.C.I. le variazioni all’elenco dei soci, le variazioni delle cariche sociali, nonché ogni altra informazione di rilievo circa l’attività associativa, trasmettendo altresì gli atti adottati dall’Associazione in merito alla disciplina e organizzazione delle attività zootecniche al fine di ottenere la ratifica dall’E.N.C.I..

 

SOCI

Art. 3 - Possono essere soci del Gruppo Cinofilo Maceratese tutti i cittadini italiani e stranieri di accertata moralità che abbiano interesse e simpatia verso il miglioramento dell’allevamento italiano delle razze canine.
Art. 4 - Per far parte in qualità di socio della società occorre avanzare domanda scritta e firmata, convalidata dalla firma di due soci presentatori ed indirizzata al Presidente. In tale domanda deve essere anche precisato che il richiedente si impegna ad accettare le norme dello Statuto Sociale e la disciplina relativa nonché ad osservare le disposizioni emanate dal consiglio o dall’assemblea.
Su ciascuna domanda si pronuncia il Consiglio Direttivo. Avverso diniego di adesione è ammesso reclamo entro trenta giorni dalla sua comunicazione, tramite istanza presentata al Presidente dell’Associazione, che ha la cura della prima Assemblea utile. Le domande di ammissione a socio, presentate per l’anno nel corso del quale si svolge l’elezione del nuovo Consiglio Direttivo, possono essere istruite e valutate solamente dal Consiglio Direttivo neoeletto.
Art. 5 - I soci si dividono in soci ordinari e soci sostenitori. I loro diritti e doveri nei confronti della società od in conseguenza della loro appartenenza a quest’ultima sono uguali; è diversa solo la misura della quota associativa annuale in quanto i soci sostenitori ne verseranno una maggiore in segno di tangibile appoggio alle iniziative ed all’attività del sodalizio. Alle assemblee, siano esse ordinarie o straordinarie, hanno diritto di intervento e di voto tutti i soci, quale sia la categoria a cui appartengono.
Art. 6 - In piena attuazione de principi di uguaglianza e democraticità associativa, ogni socio ha diritto ad un voto. Il socio può farsi rappresentare in Assemblea da altro socio mediante delega scritta. Ogni socio può essere portatore di non più di due deleghe.
Possono votare tutti i soci in regola con il tesseramento dell’anno in corso.
Art. 7 - L’iscrizione come socio vale per l’anno in corso e lo vincolerà per l’anno successivo qualora il socio non presenti per lettera raccomandata un formale atto di dimissioni entro il 31 ottobre.
Art. 8 - L’esercizio dei diritti sociali spetta ai soci regolarmente iscritti in regola col versamento della quota sociale per l’anno in corso.
Art. 9 - Non hanno diritto di voto i soci di età inferiore ai 18 anni e i soci onorari.
Art. 10 - Non è ammesso il voto per posta.

 

ORGANI SOCIALI

Art. 11 - Sono Organi Sociali:
a) l’Assemblea dei Soci
b) il Consiglio Direttivo
c) il Collegio dei Probiviri
d) il Collegio Sindacale
Art. 12 - L’assemblea generale è composta dai soci in regola col versamento della quota sociale per l’anno in corso.
L’assemblea si riunisce in via ordinaria almeno una volta l’anno, ed entro il mese di aprile per l’approvazione del bilancio consuntivo dell’annata precedente e per l’approvazione del programma di attività per l’annata in corso. In via straordinaria può essere convocata in qualsiasi altra data, allorché lo ritenga necessario il consiglio oppure quando ne sia fatta domanda scritta al presidente da parte del collegio sindacale o almeno da un terzo dei soci aventi diritto al voto.
L’assemblea è valida in prima convocazione allorché risulta presente, di persone o per deleghe, almeno la metà più uno dei soci ordinari e sostenitori.
Trascorsa un’ora da quella indicata nell’invio, l’assemblea è valida in seconda convocazione qualunque sia il numero dei soci presenti.
Art. 13 - L’assemblea ha il compito di deliberare:
a) sul programma generale della società;
b) sulla elezione delle cariche sociali;
c) sui rendiconti finanziari;
d) sulle modifiche dello statuto;
e) sulla misura della quota associativa per ciascuna delle categorie dei soci prevista nell’Art. 5;
f) su ogni altro argomento iscritto all’ordine del giorno che non sia esclusiva competenza di altro organo sociale. Spetta, inoltre, all’assemblea eleggere i consiglieri, i probiviri e i sindaci effettivi e supplenti.

 

CONSIGLIO DIRETTIVO

Art. 14 - Il consiglio è composto da 11 (undici) consiglieri eletti dall’assemblea generale fra i soci. I membri del consiglio durano in carica tre anni solari e possono essere rieletti. Qualora durante il periodo venissero a mancare per qualsiasi motivo uno o più consiglieri il consiglio direttivo indicherà, in linea di massima, la sostituzione con i primi dei non eletti e li proporrà all’assemblea generale dei soci nella sua riunione.
I membri così eletti entreranno in carica e vi resteranno fino a quando vi sarebbero rimasti coloro che essi hanno sostituito.
Art. 15 - Il consiglio ha il compito di attuare gli scopi statutari in armonia con le deliberazioni dell’assemblea generale dei soci; fra l’altro è responsabile dell’amministrazione sociale, approva e sottopone all’assemblea i rendiconti morali e finanziari, decide sulle domande di ammissione di nuovi soci e indice e patrocina manifestazioni.
Art. 16 - Il consiglio si riunisce almeno una volta ogni quattro mesi e straordinariamente quando lo ritenga opportuno il presidente o la maggioranza dei consiglieri oppure il collegio dei sindaci.
Gli avvisi di convocazione verranno diramati dal presidente almeno dieci giorni prima di ogni riunione. Il consiglio è presieduto dal presidente, oppure, in sua assenza, dal vice-presidente, o qualora questi mancassero, dal consigliere più anziano di età. Le sue riunioni sono valide quando è presente la maggioranza dei consiglieri. Non sono ammesse deleghe. Le deliberazioni sono prese a maggioranza assoluta dei presenti; in caso di parità prevale il voto di chi presiede. I componenti del consiglio che non interverranno senza giustificato motivo a tre riunioni consecutive, potranno essere dichiarati decaduti dalla carica.

 

PATRIMONIO E AMMINISTRAZIONE

Art. 17 - Il patrimonio della società è costituito:
a) dai beni mobili ed immobili;
b) dalle somme accantonate;
c) da qualsiasi altro bene che le sia pervenuto a titolo legittimo.
Le entrate della società sono costituite:
d) dalle quote annuale versate dai soci;
e) dagli eventuali contributi concessi da enti o persone;
f) dalle attività di gestione;
g) da qualsiasi altro provento pervenuto a qualsiasi titolo.
Art. 18 - L’esercizio finanziario va dal 1’ gennaio al 31 dicembre; delle risultanze economiche e finanziarie sono responsabili personalmente i consiglieri in carica sino a quando l’assemblea generale dei soci con l’approvazione del bilancio, non si sia assunta direttamente gli impegni relativi, Il bilancio consuntivo approvato dall’assemblea generale dei soci va trasmesso in copia all’ E.N.C.I..

 

COLLEGIO SINDACALE

Art. 19 - La sorveglianza amministrativa e contabile è affidata ad un collegio sindacale composto da tre sindaci più uno supplente, eletti dall’assemblea generale dei soci, i quali durano in carica tre anni solari e possono essere rieletti.. I sindaci hanno la facoltà di partecipare alle riunioni del consiglio, alle quali debbono essere invitati.

 

PROBIVIRI

Art. 20 - Il Collegio dei Probiviri, del Gruppo Cinofilo Maceratese, è formato da tre membri effettivi e da due supplenti, eletti dall’Assemblea Generale dei soci che non ricoprano già la carica di consigliere e di sindaco, i quali durano in carica tre anni solari. Almeno uno dei membri effettivi sarà sempre un competente di materie giuridiche. Qualsiasi decisione di carattere disciplinare a carico di un socio deve essere adottata a maggioranza e con la presenza di tre membri effettivi del Collegio dei Probiviri. Qualora un membro effettivo non potesse assistere alla riunione, questo verrà sostituito dal supplente. In caso di dimissioni di uno dei membri effettivi del Collegio dei Probiviri questo verrà sostituito sino alla prima riunione dell’Assemblea , che provvederà alla nomina definitiva.

 

NORME DISCIPLINARI

Art. 21/A - Le denuncie a carico di un socio devono essere avanzate per iscritto, firmate ed indirizzate al Consiglio Direttivo che le inoltra al Collegio dei Probiviri , il quale si pronuncia a sua volta col lodo scritto e motivato dopo aver contestato all’interessato l’addebito rivoltogli, dandogli un termine di almeno 15 giorni per produrre le proprie controdeduzioni dopo aver sentito il Presidente dell’Associazione. In caso di mancanze gravi il Consiglio Direttivo potrà, in via provvisoria, sospendere direttamente il socio dall’esercizio dei diritti sociali in attesa che i Probiviri, ai quali dovrà essere subito trasmessa la denuncia, abbiano a pronunciarsi definitivamente.
I provvedimenti disciplinari che il Collegio dei Probiviri può adottare a carico di un socio dell’Associazione sono i seguenti: censura; sospensione fino ad un massimo di tre anni. In caso di particolare gravità che comportino l’espulsione di un socio, il Collegio dei Probiviri avanzerà la proposta motivata di tale provvedimento all'Assemblea generale dei soci, che si pronuncerà in via definitiva.
Art. 21/B - Qualsiasi socio, anche se riveste cariche in seno alla società, è tenuto a rispettare il presente statuto, Lo statuto dell’E.N.C.I. il relativo regolamento di attuazione, tutti i regolamenti dell’E.N.C.I. nonché le regole della deontologia e correttezza sportiva. E’ soggetto alle decisioni dei probiviri del gruppo cinofilo maceratese, nonché alle decisioni delle commissioni di disciplina dell’E.N.C.I.. La giustizia disciplinare di primo grado è amministrata dalla Commissione di Disciplina di prima istanza dell’ E.N.C.I. nelle ipotesi previste dal Regolamento di Attuazione dello Statuto E.N.C.I., nonché dal Collegio dei Probiviri. Le decisioni dei Probiviri dell’Associazione “Gruppo Cinofilo Maceratese” sono appellabili avanti la Commissione di Disciplina di seconda istanza dell’E.N.C.I. mediante ricorso scritto., sottoscritto personalmente dall’appellante o dal suo procuratore, da inviarsi a mezzo raccomandata a.r. nel termine perentorio di trenta giorni dalla ricezione della comunicazione della decisione , ai sensi del Regolamento di attuazione dello Statuto Socio.
L’Associazione “Gruppo Cinofilo Maceratese” ottempera e da esecuzioni alle decisioni assunte nei confronti dei prorpi Soci dalle Commissioni di Disciplina di prima e seconda istanza dell’E.N.C.I.

 

MODIFICHE STATUTARIE

Art. 22 - Qualsiasi modifica al presente statuto può essere proposta o dal Consiglio Direttivo o da Almeno un terzo dei soci aventi diritto al voto.
Le deliberazioni devono essere approvate a maggioranza dei presenti da una Assemblea che riunisca almeno la metà più uno dei Soci aventi diritto al voto.
Le modifiche allo Statuto dell’Associazione prima di essere presentate all’assemblea, devono essere comunicate all’ E.N.C.I., per ottenere la necessaria preventiva approvazione ai sensi del Regolamento dello Statuto Sociale dell’Ente stesso.
Art. 23 - Tutte le cariche in seno alla società sono gratuite.
Art. 24 - Il presente statuto, dopo l’approvazione dell’assemblea generale dei soci, entra in vigore con effetto immediato.
Art. 25 - Per quanto non è previsto dal presente statuto si fa riferimento allo statuto dell’E.N.C.I. e alle norme vigenti di legge ed ai principi generali di diritto.

1. La Mostra Mercato Uccelli e Cani viene organizzata dal Gruppo Cinofilo Maceratese
comprende le seguenti categorie:

Abbigliamento per caccia, pesca, tiro – calzature, stivali - attrezzature per caccia e pesca
Armi – archi e coltelli - uccelli da richiamo - uccelli esotici – mangimi - Animali di bassa corte – pesci – allevamenti cinofili – e pensioni – attrezzature per cinofilia – turismo venatorio - Editoria attinente le categorie sopra citate e flovivaismo (piccola area)

3. Sono ammessi alla manifestazione, ai sensi dell'art. 2, comma 5° della L.R. 52/95, soltanto i produttori, ovvero i loro rappresentanti generali o locali all'uopo delegati, che operino nei settori inerenti la manifestazione, e in quello florovivaistico, previa presentazione della richiesta di partecipazione, debitamente compilata e sottoscritta, che dovrà pervenire entro e non oltre il 10/09/2014 al Gruppo Cinofilo Maceratese via De Nicola,35 - 62010 Villa Potenza MC, unitamente alla cedola di versamento di € 15,00 IVA compresa relativa al diritto di iscrizione, alla cedola di versamento per il diritto di posteggio come precisato ai successivi art 10 – 11, nonché alla certificazione alla certificazione della Camera di Commercio o ad altra documentazione da cui risulti che l'espositore riveste la qualifica di produttore o di suo rappresentante generale o locale. Ai sensi dell'art. 2 comma IV della L.R. 52/95 durante lo svolgimento della manifestazione, l'attività di vendita non è sottoposta alle norme di cui alla Legge 426/91.

E' fatto divieto prenotare stands o spazi che siano in eccesso rispetto alle proprie esigenze espositive. E' altresì vietato cedere ad altri gli spazi o stands espositivi richiesti.

4. La richiesta di partecipazione costituisce impegno definitivo di partecipazione e accettazione delle note illustrative e di tutte le norme e disposizioni che il Gruppo Cinofilo Maceratese ritenesse opportuno di emanare, anche successivamente, per meglio regolare la manifestazione ed i servizi inerenti. Il Gruppo Cinofilo Maceratese decide insindacabilmente sull'accettazione della richiesta e non è tenuto a dare motivazione della eventuale esclusione. L'espositore che abbia prenotato l'area espositiva pagando la relativa tassa d’iscrizione di € 15,00 IVA compresa, può disdire la prenotazione entro e non oltre il 10/09/2014. La disdetta, entro tale termine, comporta l'obbligo per il Gruppo Cinofilo Maceratese di rimborsare solamente la somma versata per il diritto di posteggio meno il 25%.

La prenotazione di spazzi effettuata dopo il 10/09/2014 ed accolta con riserva se rinunciata per iscritto e per comprovati motivi di forza maggiore, comporta per l’espositore l’obbligo di pagare solamente la tassa d’iscrizione.

 

 

AREE ESPOSITIVE

5. Le aree assegnate in raggruppamenti di sezioni, che possono essere variati in qualsiasi momento dal Gruppo Cinofilo Maceratese. L'espositore è tenuto a presentare i propri prodotti, indicati nella richiesta di partecipazione, nel settore merceologico al quale viene assegnato, Il Gruppo Cinofilo Maceratese non assume alcuna responsabilità in ordine ad eventuali irregolarità che verranno riscontrate da parte dell’Autorità competente.

Le aree sono messe a disposizione dell’espositore sin dal 27.09.14 e gli stands devono essere pronti nel loro allestimento entro le ore 06.00 del giorno 28.09.14

Le aree non occupate entro le ore 06.00 del giorno della manifestazione sono considerate abbandonate e si intendono rimesse a disposizione del Gruppo Cinofilo Maceratese, che può disporne a suo piacimento senza alcun obbligo di rimborso. Le aree sono concesse esclusivamente per la posizione risultante la piantina che verrà inviata all’espositore.

Data l’ubicazione decentrata ove si svolge la manifestazione, per esigenze funzionale degli espositori e degli organizzatori nonché delle Giurie e di eventuali visitatori, il Gruppo Cinofilo Maceratese si riserva la facoltà di assegnare un area ad una ditta che garantisca la ristorazione al livello pasti.

Qualora uno stand o spazio fosse richiesto da più espositori, l’assegnazione dello stesso avverrà sulla base della data e ora di arrivo della prenotazione e del conseguente numero di protocollo, mentre per gli altri se ne assegnerà un altro il più vicino possibile a quello richiesto.

6. Per esigenze tecniche e merceologiche il Gruppo Cinofilo Maceratese si riserva la facoltà di cambiare o ridurre, ove occorra, l’area assegnata, anche trasferendola in altra sezione en ciò senza diritto per l’espositore a indennità o risarcimento per nessun motivo.

 

 

ALLESTIMENTO DELLE AREE

7. Le aree sono messe a disposizione dell'espositore sin dal 27/09/14 e gli stands devono essere pronti, nel loro allestimento e nella loro prestazione, entro le ore 06.00 del giorno 28/09/14

8. Dopo la chiusura della manifestazione gli stands devono essere sgombrati da ogni struttura e da quanto contenuto al più tardi entro le ore 12 del giorno 29/09/2014

9. E' fatto obbligo all'espositore di riconsegnare l’area nello stato in cui gli fu affidata.

 

 

TARIFFE

10. L’iscrizione alla manifestazione comporta il pagamento di una tassa di € 15,00 IVA compresa da effettuare a mezzo assegno circolare o versamento in c.c.b. intestato a: Gruppo Cinofilo Maceratese - Mostra uccelli e cani - acceso presso la Banca Popolare di Spoleto Sede di Villa Potenza codice IBAN IT45 E057 0413 4000 0000 0000 412 , la cui cedola dovrà essere inviata Gruppo Cinofilo Maceratese via De Nicola, 35 Villa Potenza unitamente alla domanda di partecipazione (debitamente compilata e sottoscritta), alla certificazione della Camera di Commercio o ad altra documentazione da cui risulti che l’espositore riveste la qualità di produttore o rappresentante generale o speciale, alla cedola di versamento per l’area.

11. L’assegnazione degli stands o spazi comporta, per gli espositori che ne hanno fatto richiesta, il pagamento di un diritto di posteggio determinato dagli Enti organizzatori secondo la seguente tariffa, da effettuare a mezzo assegno circolare o c.c.b. intestato a: Gruppo Cinofilo Maceratese - Mostra uccelli e cani – presso la Banca Popolare Spoleto ag. Villa Potenza ( codice IBAN IT45 E057 0413 4000 0000 0000 412) ad esclusione degli obbisti di materiale inerente la manifestazione e delle Associazioni benemerite che dovranno limitarsi all’esposizione dei prodotti, previa apposizione di un cartello “merce non in vendita”

SETTORE A – Stands da mq 12 – Espositori abbigliamento caccia, pesca, tiro, materiale inerente la caccia, pesca, armi, mangimi, editoria, materiali per la cinofilia a € 10,00 IVA compresa.

SETTORE B – Stands da mq 32 – Riservato ad espositori con automezzi attrezzati per la vendita di prodotti soprannominati € 5,00 IVA compresa.

SETTORE C – Stands da mq 20 – Espositori di uccelli esotici, avicoli, cinofili, animali da cortile, materiale ittico. € 8,00 IVA compresa.

SETTORE D – Associazioni, Enti, hobbisti stand gratuito.

Il mancato pagamento comporterà per l'espositore il divieto di occupare lo spazio prenotato senza diritto al rimborso della quota d’iscrizione.

12. La ditta che garantisce anche la ristorazione a livello pasti, dovrà provvedere al pagamento del diritto di posteggio solo dopo l'accettazione da parte del Gruppo Cinofilo Maceratese, che provvederà a darne comunicazione scritta. Le richieste di partecipazione pervenute dopo il 19/09/2014, accettate con riserva ai sensi dell’art. 5 (ultimo comma) potranno essere regolarizzate anche il giorno della manifestazione.

 

 

ORARIO - INGRESSI

13. L’ingresso alla manifestazione, aperta al pubblico dalle ore 06.00 alle ore 20.00,con pagamento di un biglietto di € 5.00, esclusi i bambini fino ad anni dodici e gli aventi diritto all'ingresso gratuito (espositori, rappresentati ENCI, personale di servizio , soci Enci ecc.) secondo le disposizioni di legge. La Provincia di Macerata provvede ad un normale servizio di vigilanza diurno tramite gli agenti di Polizia Provinciale nell’interesse degli organizzatori, senza assumere alcuna responsabilità in ordine ad eventuali furti o danneggiamenti delle merci esposte negli stads o comunque giacenti nell’area fieristica, la cui sorveglianza e custodia competono ai rispettivi espositori.

 

 

DIVIETI

14. E' fatto esplicito divieto di :

circolare o sostare con veicoli di qualsiasi genere all'interno delle aree espositive
accendere o provocare fuochi o introdurre materie esplosive, prodotti detonanti o pericolosi maleodoranti o comunque suscettibili di provocare danno o molestia, distribuire materiale pubblicitario ( riviste, cataloghi, opuscoli, depliants, ecc.) non di pertinenza degli espositori, i quali peraltro, possono provvedere a tale distribuzione solo nei loro posteggi, purchè ciò avvenga in conformità delle disposizioni di Legge;
svolgere nel quartiere propaganda politica sotto qualsiasi forma;
esporre mezzi e strumenti di cattura proibiti dalle vigenti leggi;
esporre uccelli di cui per Legge sia proibita la cattura e non consentito l'allevamento.

 

 

VARIE

15. Agli espositori è fatto obbligo di provvedere alla pulizia del proprio posteggio, deponendo carte e rifiuti in contenitori a perdere, all'esterno dei padiglioni subito dopo la chiusura. Qualora gli espositori usino apparecchi per riproduzione VIDEO a SUONO, gli stessi debbono essere preventivamente autorizzati dalla SIAE competente.

16. In presenza di infrazioni, anche di una sola clausola del presente regolamento, il Gruppo Cinofilo Maceratese avrà diritto di escludere immediatamente l’espositore inadempiente richiedendo allo stesso il rimborso dell’eventuale contravvenzione.

17. Non saranno prese in considerazione le domande senza la ricevuta di versamento per il diritto di posteggio di cui agli art. 10 – 11.

 

 

ENERGIA ELETRICA

18. La richiesta di allaccio dovrà essere inoltrata al Gruppo Cinofilo Maceratese a mezzo dell’apposito modulo.

L’espositore provvede a proprie spese all’installazione degli impianti dal punto di consegna dell’energia al punto di utilizzo.

Detti impianti dovranno essere eseguiti da tecnici specializzati nel pieno rispetto delle normative di legge.

L’espositore solleva gli Enti organizzatori da ogni responsabilità in relazione a possibili incidenti dovuti a imperizia o guasti degli impianti sia nei confronti dei propri dipendenti che terzi.

 

 

VENDITA
19) La vendita degli stands è subordinata alle norme vigenti in materia.

 

 

SERVIZI TECNICI
21) Gli Enti organizzatori, nei limiti degli impianti a propria disposizione, provvedono alla fornitura dell’energia elettrica, dell’acqua e di altri particolari prestazioni tecniche riservandosi il diritto insindacabile di accettare o meno le richieste. Per tali forniture e prestazioni, le ditte espositrici debbono garantire la funzionalità e la sicurezza anche per eventuali danni a terzi, sollevando gli Enti organizzatori da qualsiasi responsabilità

Il Gruppo Cinofilo Maceratese (GCM), consente di prendere visione della "Normativa per l'Iscrizione ai Libri Genealogici" e di scaricare dal proprio sito la relativa documentazione.

NORMATIVA PER L'ISCRIZIONE AI LIBRI GENEALOGICI
Il proprietario della fattrice, prima di procedere all'accoppiamento della stessa, deve controllare sul certificato di iscrizione il suo possesso, e provvedere all'eventuale passaggio di proprietà.
Stessa attenzione per il certificato dello stallone.
Espletate queste procedure, ed effettuato, con esito positivo, l'accoppiamento il proprietario della fattrice ha 25 giorni di tempo dalla nascita dei cuccioli per denunciare, alla delegazione E.N.C.I. competente nel territorio, la nascita degli stessi usando l'apposito modello A (denuncia di monta e nascita di cucciolata) reperibile presso la delegazione, avendo l'avvertenza nel caso lo stallone non fosse di sua proprietà, di far firmare nell'apposito spazio il proprietario ed indicarne il domicilio e codice fiscale.

Il MODELLO A (come il modello B) sarà presentato nei tempi dovuti alla delegazione E.N.C.I., la quale provvederà a ritirare le competenze dovute attenendosi al listino prezzi E.N.C.I. e a rilasciarne relative ricevute fiscali. Rilascierà inoltre una fotocopia del modello A che l'interessato dovrà (secondo quanto disposto dalla legge regionale sul randagismo: denuncia di cucciolata entro un mese dalla nascita art.6 anagrafe canina Genn.1977) portare alla AUSL competente sul proprio territorio, ciò serve a denunciare i cuccioli e assumersi la responsabilità che ciò comporta.

Il MODELLO B (iscrizione di cucciolata) anch'esso reperibile presso la delegazione (download), dovrà essere presentato entro e non oltre 90 giorni dalla nascita dei cuccioli, e dovrà contenere:

1. nome dei cuccioli;
2. descrizione del mantello;
3. certificazione dell'avvenuto inserimento del microchips;
4. indicare se i cuccioli sono da intestare all'allevatore o ad altri soggetti ed indicarne l'indirizzo e il codice fiscale.

Nel rispetto del disciplinare del Libro Genealogico e con l'obbiettivo di ottenere un più preciso e puntuale inoltro delle pratiche di iscrizione di cucciolata, il consiglio direttivo dell'E.N.C.I., nella riunione del 28 Novembre ha deliberato una maggiorazione delle tariffe per i modelli B presentati in ritardo, come di seguito riportato:

* da 1 a 10 giorni oltre la data di scadenza + 20%
* dall' 11°  girono oltre la data di scadenza + 50%

Inoltre anche con un solo giorno di ritardo, è necessario che l'allevatore, ai fini dell'iscrizione della cucciolata, dimostri la rispondenza di paternità e di maternità accertata attraverso il test del DNA.
Il costo di tale esame è a carico dell'utente il quale non è esentato dal pagare anche la maggiorazione. Tale maggiorazione costituirà un nuovo provento istituzionale e dovrà essere inviato alla Sede Centrale dell E.N.C.I.

Le sopraindicate disposizioni decorrono dal 1° gennaio 2007.

Nota:
Al fine di semplicare la reperibilità dei modelli, potete eseguire il download dei seguenti modelli:
Modulo A - Denuncia di Monta e di Nascita di Cucciolata
Modulo B - Iscrizione di Cucciolata

PROSSIMI EVENTI

Gara Nazionale di Agility Dog - C.A.C.
Gara Nazionale di Agility Dog - C.A.C.

  che si svolgerà ogni anno all'interno dell 'ESPOSIZIONE NAZIONALE CINOFILA '...

» Read more
Mostra Nazionale Cinofila
Mostra Nazionale Cinofila

27° ESPOSIZIONE NAZIONALE CINOFILA 29 SETTEMBRE 2019 CENTRO FIERE  VILLA POTENZA -...

» Read more
Prove
Prove

CALDAROLA 17 LUGLIO 2021 PROVA INTERNAZIONALE DI CACCIA SU STARNE (CAC - CACIT) SPECIALE...

» Read more